La tessitura motore di sviluppo

Nei villaggi di Bilinga, Baobané, Bagayalogo e nel quartiere di Pissy a Ouagadougou negli ultimi anni la tessitura ha conosciuto uno sviluppo molto importante. Sotto la guida di Fatou Maiga, dell’Associazione Zoodo, oltre 70 donne sono coinvolte in questa attività che appartiene alla cultura e alla tradizione burkinabé. Accanto alla dotazione tecnica, telai in particolare, a cui ha contribuito anche Beogo, molta attenzione è riservata alla formazione delle tessitrici, delle filatrici e delle addette alla tintura. Ciò ha portato a un netto miglioramento della qualità del tessuto, tanto da attirare l’attenzione anche di stilisti europei e asiatici. I risvolti economici sono importanti: il lavoro delle donne viene equamente retribuito contribuendo così al miglioramento delle condizioni di vita delle famiglie. La creazione di un gruppo dinamico di donne motivate ha effetti positivi sulla vita sociale e anche sulle attività agricole tradizionali come l’orticoltura, a cui esse dedicano parte del lavoro quotidiano.
Parte dei tessuti viene trasformata in prodotti artigianali, (borse, zaini, astucci ecc.) creati da Balguissa Maiga e realizzati da un gruppo di sarti. Anche in questo settore, particolare attenzione è rivolta al costante miglioramento della qualità dei prodotti.

(gennaio 2018)