La pandemia rende tutti più poveri

L’epidemia di coronavirus è arrivata anche in Burkina, con qualche settimana di ritardo rispetto a noi, ma con conseguenze altrettanto pesanti. A tal proposito abbiamo posto a Mariam Maiga, presidente di Zoodo, alcune domande.
 
Qual è la situazione?
Viviamo con il coronavirus dall’inizio di marzo. Il 13 aprile 2020, avevamo 528 persone contagiate, 30 morti e 177 guarite.
 
Come sta affrontando la situazione lo Stato?
Lo Stato ha istituito un’unità di crisi. Ha scelto i centri sanitari per prendersi cura di questi pazienti. Sono stati creati due siti per il test del coronavirus: a Bobo Dioulasso e a  Ouagadougou. Lo Stato sta sensibilizzando la popolazione sulle misure igieniche: lavarsi le mani con acqua e sapone, rispettare la distanza di un metro tra due persone, indossare maschere protettive, ecc.  attraverso i media in tutte le lingue parlate. Lo Stato ha decretato la chiusura di scuole, moschee e chiese per evitare il raggruppamento di oltre 50 persone. Le città colpite come Ouagadougou, Bobo Dioulasso, Kongoussi, Manga, Sindou, Dedougou, Hounde, Boromo, Dano, ecc. sono in quarantena. Di fronte a diversi luoghi molto frequentati (mercati pubblici, banche, ristoranti, ecc.) viene posizionato un dispositivo per il lavaggio delle mani o un gel idroalcolico per disinfettare le mani.
 
Il sistema sanitario è pronto?
Il sistema sanitario non è pronto. Anche prima della pandemia non era in grado di accogliere tutti i malati. Tuttavia i pazienti con segni della malattia sono confinati nelle loro case fino a quando non viene confermata la loro positività. Un numero verde (3535) è disponibile per avvisare in caso di casi sospetti.
 
Qual è la situazione a livello di popolazione?
Oltre l’80% della popolazione lavora nel settore informale e vive di giorno in giorno. La chiusura dei mercati e di altri luoghi pubblici rende il settore informale ancora più povero. La chiusura delle scuole influisce sul livello degli studenti e favorisce la delinquenza giovanile. Le valutazioni e gli esami sono sospesi senza sapere quando riprenderanno le lezioni.
 
C’è differenza tra città e villaggi?
Sì, c’è una differenza tra città e villaggi. Finora la malattia è molto limitata alle città. I villaggi non sono ancora interessati. Le informazioni sulla malattia sono più conosciute in città.
 
Come ha reagito Zoodo?
Questa pandemia sta causando paura e rallenta le attività di Zoodo, blocca tutto. Ci costringe a sospendere alcune delle nostre attività, come la garderie, il sostegno scolastico e la biblioteca, in conformità con le misure adottate dal governo. Continua il progetto dell’infermiere ambulante che si reca comunque in 4 villaggi su 6 (in due villaggi, Wabigré e Tanvoussé, il pericolo terrorismo lo impedisce). Ciononostante, stiamo organizzando incontri ad hoc per discutere alcuni punti come il proseguimento delle nostre attività nel contesto della pandemia VIDOC-19, sulla gestione dei dipendenti, l’occupazione degli animatori in biblioteca per la registrazione dei libri, la plastificazione dei libri, ecc. Abbiamo deciso di fabbricare delle mascherine, con il contributo di 2000 FCFA per ogni collaboratore, per le nostre donne con cui lavoriamo nei villaggi e per gli anziani. Abbiamo un dispositivo per il lavaggio delle mani con acqua e sapone nei diversi luoghi di lavoro.
 
I dipendenti di Zoodo continueranno a ricevere il salario totale o parziale?
In relazione alla malattia, sarà applicata una riduzione dall’1 al 50% sullo stipendio e secondo la categoria fino all’eventuale ripresa dell’attività.
 
Fornite supporto alimentare, ad esempio nelle scuole coinvolte nei progetti Zoodo/Beogo?
Non abbiamo previsto alcun sostegno alimentare per le scuole. Riprenderemo le mense quando le scuole riapriranno.
 
Come vedi l’evoluzione nei prossimi mesi, sei ottimista o temi il peggio?
Nei prossimi mesi speriamo in una regressione della malattia perché la popolazione ha compreso l’importanza di indossare maschere protettive, lavarsi regolarmente le mani, rispettare la distanza tra due persone, non salutarsi più, ecc. Lo Stato sta inoltre proseguendo i suoi sforzi per contenere la diffusione della malattia.

(aprile 2020)

Translate »