Zalissa, un esempio di successo

Sette anni fa Zalissa Savadogo ha lasciato il suo villaggio e si è incamminata verso la città di Ouahigouya per prendersi cura di un bambino in una famiglia. Dopo due anni la signora che l’ha accolta le consiglia di imparare un mestiere. “Una ragazza deve imparare a cucinare, ma deve anche imparare un mestiere in modo da poter aiutare suo marito” – le dice la donna. Zalissa si avvia così verso Baobané, villaggio a circa 7 km da Ouahigouya, per imparare un mestiere: la tessitura, nell’ambito di un progetto gestito dell’Associazione Zoodo. Un nuovo mondo si apre, una nuova esperienza, ma presto si abituerà e tutto diventerà facile. “Guardavo come le donne tessevano, mi hanno mostrato come si tinge, avvolge, annoda, ecc.
Così, a poco a poco, Zalissa impara, fino al giorno in cui la sua formatrice le propone di andare nella capitale del Burkina Faso, Ouagadougou, dove potrebbe migliorare le sue competenze nella sottosede dell’Associazione. Tenace, educata e laboriosa, Zalissa scopre i segreti della tessitura sul telaio grande, crea diversi motivi e soprattutto comincia ad averne un beneficio economico. “All’inizio guadagnavo circa 10 mila al mese, oggi arrivo a 50 mila FCFA al mese. La tessitura è concreta, più lavori, migliore è la resa” – ci confida. Felicissima, dice di vedersi realizzata e di aiutare i suoi genitori a rimanere nel villaggio. Se oggi Zalissa è considerata un modello di successo, è grazie all’Associazione Zoodo che ha fatto dell’emancipazione delle donne il suo cavallo di battaglia. L’Associazione, grazie anche al contributo di Beogo, fornisce le basi necessarie per imparare un mestiere e riscattarsi.
(ottobre 2019)